traslochi

Come traslocare? 

Traslocare può richiedere un certo impegno fisico ed anche mentale, perché richiede una elevata capacità di organizzazione e di gestione del tempo. Non a caso il trasloco è una delle attività più stressanti in assoluto, secondo la maggior parte dei dottori. Ma esiste un modo per evitare tutto questo stress e fatica mentale? Sicuramente bisogna affidarsi a delle ditte che siano molto esperte nel settore e che possano offrire un servizio completo, organizzato, veloce e soprattutto meno invasivo possibile. 

Per poter trovare la ditta che si occupi del trasloco, o almeno di parte di esso (per esempio spostamento degli scatoloni) è necessario visitare siti specializzati come Specialisti Traslochi Blog. 

Ma come si sceglie una ditta efficiente? Innanzitutto, prima ancora di farsi fare il preventivo, è necessario sapere che tipo di servizio si chiede. A seconda del servizio che viene richiesto infatti è possibile trovare una azienda disponibile o meno: e sempre a seconda del tipo di servizio chiesto, si potrà ottenere un preventivo adeguato del costo del trasloco.  

Prezzo del trasloco 

 Il prezzo è infatti uno degli elementi più importanti ed incisivi quando si deve scegliere a chi affidarsi per il trasloco. Ma attenzione: non fidatevi di chi propone dei prezzi davvero troppo bassi e competitivi rispetto alla media. Ricordate che nel trasporto e nello smontaggio dei mobili vanno seguite comunque le regole minime per la sicurezza vostra e per la tutela dei beni, e non vale la pena affidarsi a chi svolge lavori in nero e senza alcuna tutela ed assicurazione. 

Del resto, come abbiamo detto, sono tante le variabili che compongono il prezzo e quindi non è semplice generalizzare. Per cominciare il prezzo varia a seconda della città: un trasloco in città come Milano, Napoli, Roma costerà di più di quello di un piccolo paese. In secondo luogo, un elemento fondamentale per valutare il prezzo è la distanza fra il luogo dove si vive e quello dove si trova la nuova casa. La maggior parte delle ditte di trasloco fa pagare un certo prezzo per il trasporto entro i 100-150 km senza sovrapprezzo, e poi aumenta proporzionalmente il costo. Oppure il noleggio del furgone senza conducente può costare circa 40-50 euro all’ora, anche in questo caso il prezzo varia da città a città. 

Se poi il trasloco è da effettuare in un Paese europeo, il trasporto ovviamente costa più caro. Ma ancora più caro è il trasporto in un altro continente, che richiede lo spostamento delle merci via nave o aereo. I traslochi internazionali possono costare anche 10mila euro come prezzo di partenza, se effettuati via aerea, mentre quelli via nave son meno costosi. 

Il costo dipende anche dal volume degli oggetti, mobili e altri beni che si intende trasportare dalla vecchia casa a quella nuova. Ovviamente un letto richiede meno impegno per essere smontato, rispetto alla cucina. Le ditte che hanno una lunga esperienza nell’ambito dei traslochi potranno aiutarvi a gestire i costi a seconda della quantità di beni da spostare. 

Per il prezzo, bisogna anche tenere conto della facilità di accesso alla casa. La necessità di usare una autoscala, un montacarichi, o di fare piani di scale senza ascensore va tenuta in conto. Questi costi però devono essere pattuiti prima del trasloco, per non trovare sorprese al momento del pagamento. 

L’imballaggio è una voce che si aggiunge ai costi, ma l’imballaggio può essere anche condotto in autonomia da chi effettua il trasloco. Semplicemente è possibile richiedere scatoloni di ogni dimensione ai negozi e supermercati che ogni sera ne buttano via a decine. Come mezzo per imballare potete usare vecchie riviste e giornali oppure vestiti: il costo finale diminuirà e non di poco. 

Altri articoli interessanti