14

Definizione della leva finanziaria

La leva finanziaria è l’ammontare del debito che un’entità utilizza per acquistare più attività. La leva viene impiegata per evitare di usare troppa equità per finanziare le operazioni. Una quantità eccessiva di leva finanziaria aumenta il rischio di fallimento, dal momento che diventa più difficile rimborsare il debito.

La formula della leva finanziaria è misurata come il rapporto tra debito totale e totale attivo. All’aumentare della proporzione del debito rispetto alle attività, aumenta anche la leva finanziaria. La leva finanziaria è favorevole quando gli impieghi a cui il debito può essere aperto, generano rendimenti superiori al costo degli interessi associato al debito.

Molte società utilizzano la leva finanziaria piuttosto che acquisire più capitale azionario, il che potrebbe ridurre l’utile degli azionisti esistenti.

La leva finanziaria ha due vantaggi principali:

  • Guadagni migliorati. La leva finanziaria può consentire a un’entità di guadagnare molto sulle sue attività.
  • Trattamento fiscale favorevole. In molte giurisdizioni fiscali, gli interessi passivi sono deducibili dalle tasse, il che riduce il costo netto per il mutuatario.

Tuttavia, la leva finanziaria presenta anche la possibilità di perdite sproporzionate, in quanto il relativo importo degli interessi passivi può sopraffare il debitore se non ottiene rendimenti sufficienti a compensare gli interessi.

Questo è un problema soprattutto quando aumentano i tassi di interesse o diminuiscono i rendimenti delle attività. Le oscillazioni dei profitti sono maggiori quando aumenta la volatilità del prezzo delle azioni di una società. Le stock option emesse ai dipendenti, dal momento che le azioni altamente volatili sono considerate più preziose, e quindi creano una maggiore compensazione delle spese rispetto alle azioni meno volatili.

La leva finanziaria è un approccio particolarmente rischioso in un business ciclico, poiché le vendite e i profitti hanno maggiori probabilità di fluttuare considerevolmente di anno in anno, aumentando il rischio di fallimento nel tempo, allo stesso tempo però può essere una grande fonte di guadagno con il Trading online (vedi come fare sul sito di Sapienza Finanziaria).

Viceversa, la leva finanziaria può essere un’alternativa accettabile quando un’azienda si trova in un settore con livelli di reddito costanti, grandi riserve di liquidità ed elevate barriere all’ingresso, poiché le condizioni operative sono sufficientemente stabili per supportare una grande quantità di leva finanziaria con un piccolo svantaggio.

Di solito c’è una limitazione naturale sulla quantità di leva finanziaria, dal momento che i prestatori hanno meno probabilità di inviare fondi aggiuntivi a un mutuatario, che ha già chiesto in prestito una grande cifra. In breve, la leva finanziaria può generare rendimenti eccezionali per gli azionisti, ma presenta anche il rischio di bancarotta se i flussi di cassa scendono al di sotto delle aspettative.

Esempio di leva finanziaria

Se A utilizza $ 1.000.000 del proprio denaro per comprare una fabbrica, che genera $ 150.000 di profitti annuali. La società non utilizza affatto la leva finanziaria, dal momento che non ha contratto alcun debito per acquistare la fabbrica.

B utilizza $ 100.000 del proprio denaro e un prestito di $ 900.000 per acquistare uno stabilimento simile, che genera anche un profitto annuale di $ 150.000. B utilizza la leva finanziaria per generare un profitto di $ 150.000 su un investimento in contanti di $ 100.000, che è un ritorno del 150% sul suo investimento.

La nuova fabbrica di B ha un brutto anno e genera una perdita di $ 300.000, che è il triplo rispetto al suo investimento iniziale.

I coefficienti di leva finanziaria, talvolta denominati indici azionari o di indebitamento, misurano il valore del patrimonio netto in una società analizzando il suo quadro complessivo del debito. Questi rapporti confrontano il debito o il patrimonio netto, con le attività e le azioni in circolazione, per misurare il valore reale del capitale netto in un’impresa.

Altri articoli interessanti