sedie

Sedie che passione: consigli per l’acquisto

Abbiamo tutti bisogno di un posto a sedere, eppure la sedia nel tempo è diventata qualcosa di più, un accento sullo stile della nostra casa che permette di aggiungere fascino ad ogni ambiente. Con la sedia giusta è possibile aggiungere nuovi tocchi di colore, giocare con la consistenza e la forma perché è così versatile da poter essere utilizzata in salotto, in camera da letto, in cucina e nell’antibagno. Ma anche in ufficio o in giardino, per completare un solarium o da utilizzare in terrazza nel momento in cui serve, per la grigliata con gli amici o una pausa di relax.
Ma come si sceglie il modello, il colore la forma e il materiale? A volte non basta capire cosa ci piace e dobbiamo decidere come si abbina al nostro arredamento e quali sono le opzioni migliori a seconda dell’utilizzo che ne intendiamo fare.

Come scegliere la sedia giusta: le sedie moderne

Le sedie moderne aggiungono un tocco di eleganza e sofisticata atmosfera al nostro arredamento contemporaneo. Possono portare una nota di colore con una scelta brillante che riesce a sottolineare, per esempio, una stanza mono-tinta creando uno stacco avvincente: una stanza tutta bianca con sedie dalle linee moderne nere o color tabacco? Inoltre è possibile sperimentare i materiali e le forme. Forse non c’è oggetto d’arredo che meglio si presti a questo esercizio di abbinamento. Il morbido cuoio e il legno sono opzioni classiche, ma ci si può sbizzarrire anche con imbottiture diverse o materiali plastici e moderni, oltre alle svariate finiture. Quando si parla dei materiali si pensa sia alla praticità che al design, legno e plastica sono più durevoli e, se in casa ci sono bambini o animali sono facili da pulire e difficili da rovinare.
Occorre quindi pensare prima di tutto a come useremo la nostra sedia, che tra gli arredi è uno degli oggetti più fisicamente utilizzati ma anche quello che più fa arredo in modo elementare. Deve essere comoda, da usare tutti i giorni negli ambienti più frequentati, attorno al tavolo da pranzo o per leggere e studiare? Per la zona pranzo che usiamo senza troppe accortezze e anche per scopi diversi dal pranzo. Occorre allora una sedia comoda, con uno schienale solido, facile da spostare e quindi abbastanza leggera ma nello stesso tempo robusta. Sedie moderne che siano facili da afferrare, e che magari abbiano lo schienale dogato dove è naturale infilare la mano e una seduta capace di ospitare il fondoschiena.
Per le sedie da situare in corridoio, nelle camere da letto o in una stanza da pranzo di rappresentanza, possiamo concentrarci di più sullo stile: le sedie eleganti diventano un’ottima scelta. La sedia giusta riesce a creare un senso di atmosfera che rende un angolo o una stanza più importante. Per ogni camera occorre però fare attenzione che le sedie non creino eccessivo ingombro, e anche se l’utilizzo non è quotidiano o, anzi, restano in un angolo esclusivamente per arredo, occorre sempre fare attenzione alla seduta, che la sia confortevole, all’occorrenza possa offrire un buon sostegno, e che la sua altezza sia in equilibrio con gli altri posti a sedere. Le sedie eleganti hanno grandi scelte per i tessuti, che possono essere pelle (vera o ecopelle) ma anche tantissimi tipi di cotone, rayon e poliestere in tinta unita o fantasia da abbinare allo stile dell’ambiente.

Sedie impilabili e pieghevoli

Le sedie impilabili devono essere abbastanza leggere per una facile impilabilità e un agevole spostamento, ma anche eleganti per completare i nostri interni.
Le sedie impilabili in fibra di vetro o in vetroresina sono una risposta universale all’esigenza di una forma semplice che si adatta a qualsiasi tipo di fisico e consente di avere in poco spazio una scorta di posti a sedere. Il loro design compatto e maneggevole le rende soluzioni salva-spazio ideali per ospiti improvvisi.
Ma posti a sedere supplementari possono essere improvvisati anche con le sedie pieghevoli, facili anche da portare all’aperto e da mettere nel bagagliaio dell’auto per essere accompagnarci nelle gite all’aperto e nelle riunioni di famiglia. Sono adatte ai balconi, ai terrazzi e ai gazebo in giardino. Di varie forme, materiali e colori le sedie pieghevoli si prestano ad uno stile accattivante ed informale, sono fatte per adattarsi a vari tipi di tavoli e possono essere fornite di braccioli e poggiapiedi ma l’importante è che siano resistenti e facilmente lavabili.

Sedie in policarbonato

Le sedie in policarbonato aggiungono una dose di personalità ad uno spazio giovane e funzionale. È entusiasmante vedere come forme classiche vengono restituite attraverso un materiale moderno e versatile come il policarbonato e aggiungono un tocco di ironia accattivante all’ambiente. Sedie comode e trasparenti che spesso non sottraggono spazio visivo poiché possono essere attraversate dalla luce. Tuttavia il policarbonato trasparente è disponibile anche in varie tinte ed abbinato in diverse tonalità di colore. Il design può ripetere e trasformare forme classiche o neoclasiche, linee dritte, ricurve o ornate, innovandole e modernizzandole attraverso questa tecnologia innovativa. Quando acquistiamo le sedie in policarbonato però dobbiamo assicurarci che non si tratti di imitazioni acriliche, costano qualcosa in meno ma non hanno la durevolezza delle originali. Sono adattissime per l’uso esterno, impilabili e completamente riciclabili, perfette come sedie da scrivania se si acquista una sedia in policarbonato con i braccioli bisogna prestare attenzione all’altezza, in modo che si possa facilmente infilare al di sotto del piano d’appoggio.

Sedie ergonomiche

Se c’è una cosa che può fare la differenza nel passare lunghi periodi in posizione seduta per studio o per lavoro è la sedia. È un’evidenza scientifica che stare a lungo seduti aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e peggiora il mal di schiena. Le persone che restano sedute in ufficio per otto ore sviluppano problemi di intorpidimento, dolore alle articolazioni, ernie discali e infiammazioni cervicali. Le sedie ergonomiche e di buona qualità sono un investimento sulla salute, incidono sul comfort e sulla produttività. Il compito delle sedie ergonomiche è quello di aiutarci a mantenere la giusta postura, evitare gli sforzi muscolari, i dolori lombari e spinali. Le sedie ergonomiche di qualità hanno una base che appoggia su cinque punti e sono dotate di rotelle. Il sedile dovrebbe avere un’imbottitura in schiuma densa, braccioli morbidi e la possibilità di essere regolate in altezza ma anche nell’inclinazione in modo da poter trasferire il peso corporeo a sostegno della sedia. Lo schienale, in ogni caso, deve poter aderire alla curva fisiologica dell’arco spinale.

Sedie da cucina

Le sedie da cucina completano il tavolo nell’ambiente che di solito è il più vissuto di ogni casa. Negli ultimi anni la scelta di tendenza in cucina è di abbinare separatamente tavolo e sedie. Le sedie da cucina quindi possono staccare totalmente dal tavolo diventando un elemento che contraddistingue il gusto personale: che sia in legno, plastica o in metallo, imbottito o sagomato, questi sedili sono in grado di aggiungere stile a qualsiasi tavolo, attirare lo sguardo e creare eleganti contrasti. In alcuni casi possono essere foderabili, ma sempre possono essere completate da cuscini. La cucina è davvero il posto in cui ci si può sbizzarrire nella scelta dello stile della sedia che può essere rustico o moderno, vintage o tradizionale. In ogni caso, per una buona funzionalità delle nostre sedie da cucina sarà opportuno prestare attenzione all’altezza totale, che non dovrà superare i 90 cm: in cucina dove ci si muove spesso in modo veloce e qualche volta addirittura caotico, gli schienali alti possono essere d’intralcio, così come sono da evitare le sedie con braccioli. Se la cucina è piccola, sedie di dimensioni ridotte risolveranno molti problemi ma l’ ideale sarà sceglierle pieghevoli o impilabili. Un’ultima attenzione ai materiali: facilmente igienizzabili, idrorepellenti e anallergici. Ottima quindi la fibra di legno e la plastica, l’acciaio e il resistente policarbonato.

Altri articoli interessanti