sigaretta-elettronica-migliore

Sigaretta elettronica migliore: ecco quale scegliere in base alle proprie esigenze

La diffusione delle sigarette elettroniche ha portato sul mercato una gran quantità di modelli tra cui è difficile scegliere, soprattutto per chi è ancora inesperto. E allora, come barcamenarsi nella sigaretta elettronica migliore e come fare per non sbagliare? In realtà, la vasta gamma di modelli permette di scegliere l’e-cig più adatta alle proprie esigenze e di assaporare il gusto preferito investendo cifre accessibili. Ovviamente esistono anche sigarette elettroniche hi-tech, come ad esempio la Joyetech eGo AIO, un modello tutto incluso in cui non occorre aggiungere il liquido per svapare.

Componenti della sigaretta elettronica

Anche se presenti in commercio in diverse forme e dimensioni, la migliore sigaretta elettronica ha delle componenti essenziali comuni a tutte. Tra le componenti di una sigaretta elettronica troviamo, oltre alla soluzione liquida e alla cartuccia, un atomizzatore, un drip tip e una batteria che alimenta la resistenza.

Drip Tip

Il Drip Tip è una delle parti più importanti della sigaretta elettronica e consiste nel beccuccio tramite il quale è possibile aspirare il vapore prodotto dalla e-cig. I drip per sigaretta elettronica sono presenti in varie forme e materiali: infatti, possono essere in metallo, in legno, in resina, in pietra ceramica, in plastica e la loro scelta consente di percepire il fumo più caldo o più freddo e anche di sentire meglio l’aroma. Inoltre, è possibile scegliere il drip per sigaretta elettronica più adeguato per permettere anche di creare delle grandi nuvole di fumo senza alterare il sapore.

Atomizzatore

Nella sigaretta elettronica l’atomizzatore è il componente centrale, che serve a scaldare il liquido contenuto nella cartuccia e a vaporizzarlo. In pratica, il liquido contenuto nelle cartucce per sigaretta elettronica, dopo essere stato vaporizzato dall’atomizzatore arriva alla bocca del fumatore tramite un inalatore collegato ad esso. Non appena il fumatore aspira la resistenza si scalda e raggiunge una temperatura compresa tra i 160 e i 180 gradi, vaporizzando il liquido e creando il vapore. In questo modo la sigaretta elettronica brucia e non fa male alla salute poiché non contiene catrame. L’atomizzatore è composto da un rivestimento in metallo solido e resistente e dura circa dai 15 ai 20 giorni per una media di 180 ricariche.

Batteria

La batteria è un’altra componente della sigaretta elettronica indispensabile per farla funzionare. Infatti, la batteria ha il compito di generare corrente elettrica che, passando attraverso la resistenza situata all’interno dell’atomizzatore, la scalda facendo vaporizzare il liquido. Le batterie migliori sono a base di litio e tendono a durare di più. Sul mercato sono presenti due tipi di batteria: automatico e manuale: la prima si attiva automaticamente quando il fumatore aspira tramite il drip-tip, la seconda va attivato manualmente con una leggera pressione del pulsante apposito. Se ben conservata, la batteria garantisce ottime prestazioni anche se è consigliabile sostituirla con cadenza mensile.

Meglio a tiro di guancia o a tiro di polmone?

La scelta dei tipi di atomizzatori per sigaretta elettronica a tiro di guancia o a tiro di polmone varia in base alle esigenze e anche in base a delle caratteristiche di ognuno dei due metodi. Il tiro di guancia rappresenta il tiro naturale, classico, in quanto prima porta il vapore in bocca, poi si inspira e poi si espira. E’ consigliato agli ex fumatori ed è ideale per chi desidera un tiro tranquillo ma concentrato, con un vapore non troppo caldo e nemmeno eccessivo. Il tiro di polmoni invece si inspira direttamente nei polmoni e poi si espira ed è consigliato a chi ha smesso da diverso tempo ed è meno dipendente dalla nicotina. E’ ideale per chi desidera un tiro deciso, potente e con una grande quantità di vapore. Mentre con il tiro a guancia è possibile inalare fino a 1 litro di vapore, con quello a polmone se ne possono inalare fino a 3 litri, quindi è chiaro che questo secondo sistema è meno salutare

Dove acquistarle e quali sono i prezzi

E’ possibile acquistare le sigarette elettroniche nei rivenditori specializzati presenti nel territorio o sugli shop online che propongono una vasta gamma di modelli spesso a prezzi molto competitivi. I prezzi variano in base alla qualità e al modello, ma per avere un’idea possiamo dire che i kit singoli oscillano tra i 15 euro ai 25 euro per le marche più economiche, mentre si può spendere anche 50 euro e più per prodotti più ricercati. Altre spese da tenere in considerazione sono quelle riguardanti il liquido, il filtro per sigaretta elettronica, il cartomizzatore sigaretta elettronica e altri pezzi di ricambio da cambiare periodicamente.

Altri articoli interessanti